U15F, nonostante la sconfitta, concreta prestazione…

0
8

Auxillium genova – Basket Cairo 72 – 41

Ecco le nostre ragazze che si presentano ospiti dell’Auxiullium Genova, per affrontare la seconda giornata di ritorno di campionato. Giornata che si presenterà già difficile sulla carta, consapevoli della superiorità delle avversarie, e con defezioni a referto di due cairesi, Horma e Brero Giorgia, assenti per influenza.Ci si trova davanti un campo piccolo e freddo, nota che potrebbe suonare a nostro favore, abituate alle rigidi temperature della Valle e del nostro campo molto più regolamentare.Come già detto, le cairesi si presentano con 9 giocatrici a referto, recuperata dall’infortunio Boveri, sarà proprio lei a violare per prima la retina genovese.Come un diesel le ragazze del Basket Cairo partono nel primo quarto a rilento, l’attacco lavora male negli spazi, fa lavorare poco i difensori, causando così ingorghi in area che non permetteranno facili conclusioni, con un campo piccolo è fondamentale non ridurre le spaziature. Le genovesi, invece, aggrediscono bene gli spazi, mettono in difficoltà la nostra difesa che,  onorata di vedere ben 2 arbitri in un campionato giovanile che non si lasciano scappare nessun contatto, si aggrava già di molti falli. Il quarto si chiude 17 a 3 per le padroni di casa.Nel secondo tempo, il Basket Cairo corregge molti errori precedentemente commessi, purtroppo il metro arbitrale non cambia, altri falli si aggiungono a referto. Ma una scatenata Irgher in attacco, trascina le cairesi a bucare la retina casalinga, Brusco fa valere i suoi centimetri e la sua stazza sotto canestro, finalmente sembra che tutte abbiamo capito la chiave della partita, decise a fare bene in attacco liberano l’area e penetrano senza paura, caricando anche le genovesi di molti falli. Però sulla linea della carità gli dei del basket non graziano le cairesi, la percentuale realizzativa sarà molto bassa, a fine partita sarà un deludente 29 %. Si va al riposo lungo sul 37 a 16 (20-13).Nella seconda parte della gara vede le cairesi perdere Irgher per 5 falli e con Germano Sara e Brusco gravate di 4. La strada si presenta sempre più in salita, ma le giallo-blu non si  demoralizzano. Con l’attenta regia di Germano Sara e Brero Giulia in attacco, aiutate da Fiumene MVP per palloni recuperati, la partita sembra essere delle valligiani. Germano Marta e Cosoleto lavorano bene in difesa con molti rimbalzi recuperati. La partita prosegue con tanti fischi da parte degli arbitri, le padroni di casa rimangono senza le loro 2 più forti, e anche la cairesi iniziano a cadere come mosche. Dopo Irgher, toccherà a Germano Sara, Fiumene ed infine a Brusco ad abbandonare la partita per raggiunto limite di falli. La gara si concluderà sul 72 a 41.

Da evidenziare la notevole prestazione da parte di tutte nonostante le assenze e le avversarie più forti, Sara Germano che soltanto con soli 2 punti realizzati, si sacrifica molto lottando sia in attacco che in difesa, solidità da parte di Brusco che con convinzione fa sua l’area cairese con ben 7 rimbalzi complessivi, il premio MVP per la più “silente” della squadra, Elisa Fiumene, che ha fatto la voce grossa in fatto di palle recuperate. Un plauso anche a Germano Marta e Cosoleto Giorgia che hanno saputo prendersi le giuste responsabilità. Brave anche Irgher e Brero Giulia, due giocatrici molto diverse, la prima molto istintiva e la seconda molto razionale, ma che hanno in comune delle capacità forse ancora nascoste, che coltivate nella giusta maniera, le porteranno di certo ad essere incisive per tutti i 40 minuti della partita.  Un po’ sottotono Boveri che dovrà ancora lavorare molto per ritornare in forma dopo l’nfortunio.

Coach Trotta e Brioschi rimangono molto soddisfatti della prestazione di oggi, miglioramenti impressionanti da parte di tutte, la strada sarà ancora lunga e sicuramente piena di ostacoli, ma che riusciremo ad oltrepassare solo con la forza di una squadra unita.

Ecco le atlete scese in campo:

Botta, Cosoleto, Fiumene 5, Boveri 4, Brusco 9, Irgher 9, Brero Giulia 4, Sara Germano 2, Marta Germano 8.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here