ESORDIENTI al torneo Nazionale di PMS e BEA Chieri

0
65

Appena il tempo di digerire gli ultimi scampoli di panettone e i nostri esordienti (leve 2007 e 2008) sono chiamati alla partecipazione all’importante torneo nazionale esordienti di Torino, organizzato dalle prestigiose società PMS Torino e BEA Chieri.

Ci aspettano tre giorni di fuoco, con due partite al giorno nelle prime due giornate ed una finale tutta da decidersi per il giorno di chiusura.

Veniamo sorteggiati nel girone del Palacascina Capello di Chieri, insieme ai pari leva padroni di casa di Bea Leopardi Chieri, Olympia Casale Monferrato, PNC Ciriè e i toscani Dukes di Sansepolcro.

Proibitiva la nostra prima giornata, che si apre contro i ragazzi di Casale Monferrato, che bisogna ricordare sono una delle realtà più strutturate, grandi e importanti del settore del basket giovanile di tutta Italia.

Enorme la differenza tecnica, enorme anche la differenza fisica (ai nostri avversari cediamo una media di 10 centimetri e di 10 chili…) che non ci lascia scampo alcuno: un finale di 84 a 4 che potrebbe anche abbatterci moralmente.

Potrebbe, se non fosse per la grande grinta messa in gioco dai nostri ragazzi e per le grande carica infusa da coach Daniel Pedrini, che risistema l’emotività dei ragazzi e poche ore dopo li lancia in campo come 12 leoni contro BEA Leopardi, padroni di casa a Chieri, società che conta oltre 500 iscritti nel settore minibasket e che domina da anni il settore giovanile torinese come i gonfaloni appesi alle pareti ci ricordano.

Ma non c’è paura nei nostri ragazzi, anzi, voglia di fare bene e di dimostrare che si può anche perdere ma giocando sempre alla grande: teniamo il primo quarto andando sotto solo di 5 lunghezze, costringendo Bea Leopardi a spingere sull’acceleratore avendo capito che non siamo disposti a regalare la partita. 38 a 8 all’intervallo lungo e 46 a 12 alla fine del terzo quarto sanciscono una ritrovata grinta e una voglia di giocarsela che va ben oltre i valori tecnici dei nostri ragazzi. Alla fine la benzina e la carica emotiva finiscono e chiudiamo 67 a 14, con la consapevolezza che abbiamo dato tutto sul parquet e forse anche un po’ di più. Si torna a casa e ci si prepara per il secondo turno, consapevoli che il peggio è passato e le altre squadre presenti al torneo saranno ostacoli più accessibili.

Si torna sul parquet venerdì 28, alle ore 10 contro i ragazzi di PNC Ciriè, che ci è sembrata la squadra più abbordabile del girone: e il primo quarto ci da ragione, dopo essere stati in testa per un lungo periodo chiudiamo con il distacco minimo di 7 a 5. Purtroppo l’interruttore si spegne, ci abbandona il morale prima che la tecnica e le energie e PNC comincia ad alzare il ritmo scavando un solco che forse non ci meritavamo: 54 a 10 il finale, una differenza che questa volta ci penalizza troppo.

Il coach carica e organizza i nostri atleti per l’ultimo incontro del girone contro i toscani Dukes e ci presentiamo alle 14.30 carichi e motivati, facendo capire anche ai toscani che dovranno sudarsela: 8 a 4 il primo quarto, 16 a 8 il secondo quarto ma la tanto temuta caduta fisica (aiutata anche da una difesa toscana non del tutto adatta al settore esordiente..) arriva e ci condanna ad un’altra sconfitta dal parziale troppo punitivo: 38 a 13, in una partita che avremmo potuto giocare alla pari fino alla fine.

Il sabato è dedicato alle finali, la nostra è naturalmente quella per il nono e decimo posto dove incontriamo i ragazzi di Venaria basket.

Anche loro sono tecnicamente vicini a noi, sarebbe una partita giocabile, ma la stanchezza ed i chilometri (non dimentichiamo che ne abbiamo fatti  900 in tre giorni) scavano ancora una volta un solco troppo punitivo per i nostri ragazzi: 11 a 4 il primo quarto poi un crollo verticale per un finale di 48 a 10.

Onorato fino in fondo il nostro torneo ci spostiamo a Moncalieri, dove assistiamo alla meravigliosa finale tra Casale Monferrato e PMS San Mauro  (per la cronaca vinta da Casale con oltre 15 punti di scarto) e partecipiamo alla premiazione dove ci viene assegnata la coppa destinata al decimo classificato.

Si conclude così il nostro torneo, con bimbi, staff e genitori stanchi ma felici.

Molte le note positive della nostra tre giorni torinese, giocata con metà dei nostri ragazzi più piccoli della media del torneo (molti i 2008 nella nostra lista R) e che ha messo in luce le potenzialità caratteriali dei nostri ragazzi, pur sottolineando quali sono le lacune e le tecniche su cui bisogna ancora lavorare duramente.

Un ringraziamento particolare va al nostro sponsor tecnico “Cairo Rent” che ci ha fornito i mezzi necessari per questa lunga e proficua trasferta torinese

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here