CONCENTRAMENTO INTERREGIONALE UNDER 17 FEMMINILE VALIDO PER LE QUALIFICAZIONI NAZIONALI

0
25

Nei giorni scorsi, 8-9-10 maggio, il basket Cairo è stato lieto di ospitare un’importante fase per le qualificazioni nazionali. Sono arrivate in valle ben 4 società con una carta d’identità di spiccato livello. Fortitudo Rosa Pallacanestro Bologna, Udine Basket Club 1977, San Martino di Lupari, Basket Costa Masnaga per l’Unicef.

Tutte le atlete hanno dato spettacolo in campo, con un basket femminile di alto livello nonostante la giovane età, visto l’ambito bottino in palio.

Si parte venerdì pomeriggio con i primi due incontri:

BOLOGNA – UDINE

Squadre contratte e punteggio basso, il coach di Bologna è costretto a chiamare il primo TIME-OUT  a soli 4 minuti dall’inizio sul 2 a 3 per Udine, per spronare le sue a reagire. Tattica che obbligherà  Udine a chiamare, a loro volta,  il loro primo Time Out 2 minuti dal termine del primo quarto sul punteggio di 10 a 8 per Bologna. Primo tempo si conclude sul 17 a 9 per Bologna.

Percentuali  sbiadite per le friulane, 4 su 12 ai tiri liberi fin’ora, Bologna spinge sull’acceleratore e il coach chiama minuto a 4 minuti dal termine per dare ossigeno alle sue, 25 a 18 per le emiliane. Ma Udine non molla, accorcia le distante a meno 9 a 2 minuti e 12 secondi al riposo lungo. Uno straordinario coast to coast individuale di Milani permette di fermare il cronometro di metà gara sul 33 a 28 per Bologna.

Inizia il terzo quarto con 4 falli del capitano Torresani (Bologna) che la costringe ad abbandonare il campo. Il ritmo alto di entrambe le squadre fa segnare a referto un fallo tecnico alla n° 23 Florit di Udine che permette a Bologna di mettere altri 2 punti sul referto, 39 a 32. La gara procede con tante palle recuperate da entrambe le squadre che sottolinea la tenacia di tutte. Un fallo a 2 secondi dal termine della n ° 9 emiliana, Bottarelli,  regala 2 tiri liberi alle Udinesi che ne metteranno a segno solo 1. Terzo quarto 50 a 43 per Bologna. Partita apertissima.

Udine alza il ritmo e l’aggressività, a 7 minuti dalla fine recupera fino al -4. Le giocatrici di Bologna mantengono la calma, ma non il coach, che per una protesta di troppo, prende un fallo tecnico sul 58 a 53 per Bologna, regalando a Udine ben 3 tiri liberi, opportunità che non sfrutterà fino in fondo, segnandone solo 1. La gara si mette male per le bolognesi che permette un rientro delle avversarie fino al -2  a 2 minuti e 19 secondi. Una  bomba di Udine di Milani (n°14) segna  sul tabellone il – 2 per Udine a 4, 7 secondi. Udine potrebbe avere l’ultima occasione per un eventuale over-time con un  time out che rimetterà la palla in gioco nella propria metà campo offensiva, opportunità che sciuperanno. Punteggio finale 64 a 62 per Bologna.

SAN MARTINO DI LUPARI – COSTA MASNAGA

La seconda gara inizia con San Martino di Lupari che ingrana la sesta, obbligando Costa Masnaga a chiamare time out a soli 4 minuti dall’inizio dopo aver  subito un parziale di 7 a 0 per le venete. Il tempo scorre ma sembra che Costa non riesca ad entrare in partita, il primo quarto termina sul 4 a 12 per le venete.

Le lombarde riordinano le idee, e la partita corre, a 3 minuti e 34 secondi  si portano sul – 5. Una tripla di Frigerio n° 14  di costa porta  il tabellone sul 14 a 18 sempre per le venete  a 1 minuto e 32. Tanti fischi, ma il tabellone si ferma sull’ultimo parziale e si va al riposo.

Decisamente Costa ritorna in carreggiata e a 6 minuti e 35 porta il tabellone sul 20 a 21 per  S.M. di Lupari. Quarto abbastanza in parità, una tripla di Bolis n°25 di  Costa porta in vantaggio le lombarde, 23 a 21. Una scatenata n° 10 veneta, Brutto,  segna gli ultimi 2 punti per la fine del 3° quarto con il tabellone che segna  il 30 pari.

Inizio quarto devastante per le vente che mettono a segno un parziale di 11 a zero.  Costa tenta di rientrare più e più volte, ma le venete  ricacciano indietro le avversarie.  A 3 minuti e mezzo, Costa accorcia sul 35 a 44. Le lombarde tentano l’ultimo riaggancio e si portano  a 1 minuto e 30 sul -6 con due triple di seguito. E poi sul -4 a 1 minuto e 07, si respira aria di over-time. Le lombarde adottano il fallo sistematico per fermare il cronometro, ma le venete mettono a referto 2 tiri liberi su 4. La gara si chiude sul 44 a 51 per San Martino di Lupari.

Si continua nel pomeriggio del sabato con:

BOLOGNA – S.M. di LUPARI

S.Martino di Lupari apre la partita in difficoltà, il coach Valentini chiama time-out a 5 e 45 dalla fine, le ragazze escono  bene, ma Bologna non molla a 1 e32 il tabellone segna 11 a 13 le venete. Con una tripla quasi allo scadere di Boaretto (n° 20 S.M.di Lupari), sigilla la fine del  primo tempo sul 11 a 18 per le venete.

Riprende il gioco e sembra che S.M.di Lupari sia inarrestabile, ma 2 azioni di cui una con un recupero difensivo di Bologna, porta le emiliane a -3 a soli 4 e 52 dalla fine del secondo quarto. Canestro dopo canestro l’intensità si alza come il clima in tutto il palazzetto, si va al riposo sul 25 a 26 per S.M. di Lupari.

Bologna apre il quarto con un canestro passando in vantaggio, ma la partita è equilibrata, fino a che le venete non infilano ben 2 triple consecutive portando il tabellone sul 33 a 38 per loro a 4 e 51 dalla fine del tempo.  Il terzo quarto finisce a 46 a 41 per le bolognesi.

Nel 4° tempo un brutto infortunio per la n°19 veneta la vedrà abbandonare il campo e la gara in ambulanza, sospetta frattura del setto nasale. Bologna rimette tutto a posto, con lucidità cerca le sue lunghe che non falliscono, a 6 e 45 dal termine passa in vantaggio per  50 a 41.

Le venete incanalano tutte le energie negli ultimi minuti, 2 triple della n°5 Beraldo (S.M.di Lupari),fa ben sperare, il tabellone segna  però 54 a 47 per le emiliane. Bologna schiera una fortissima zona nella metà campo difensiva  e una forte n° 22 (Andrè Futo) regala stoppate fermando tutti i tiri delle venete. Un’altra tripla della 5 porta a – 5 S.M. di Lupari. La gara termina 57 a 52 per la Fortitudo Bologna.

UDINE – COSTA MASNAGA

Per i primi minuti della gara, le squadre si inseguono, palloni persi e forzature in attacco fanno segnare pochi punti a referto, 5 a 6 per le lombarde. Il primo quarto termina a 11 a 10 per Udine.

La fisicità aumenta e anche i contrasti, chi perde è fuori! Udine schiera una difesa di ferro e in attacco aggiusta la mira, si allontana sul più 9 a 6 e 30 dalla fine. Una tripla della 14 di Costa riporta le ragazze sotto di 6 a 1 e 35. Udine si perde in difesa, qualche fallo di troppo regala 2 tiri liberi alle lombarde che ne segneranno solo 1 per il 23 a 20 delle friulane. Costa schiera una zona difensiva che viene bucata dalle penetrazioni di Udine. Si va al riposo lungo sul 25 a 20 per le friulane

Ripresa la gara, Costa pressa tutto campo, con ben 2 palloni recuperati si porta al meno 2. Gioco potenziale da 3 della n°30 lombarda, messo a segno. Più 1 delle lombarde a 8 e 05 dalla fine del 3° quarto. Una tripla della 19 porta 25 a 29 per Costa. Le squadre bucano a vicenda le retine avversarie con ottime penetrazioni e coast to coast delle giocatrici più veloci.  Ma le lombarde sono più precise, a 3 e 47 sono a più 5, ma una straordinaria Toniotti n°5 di Udine riporta in parità la gara. Contrasti che non si risparmiano fanno terminare il terzo quarto sul 37 a 40 per Costa Masnaga.

Ultimo quarto che si apre con 6 punti consecutivi della n°4 Del Pero (2 triple) e un tiro da 2 delle lombarde che segnano un  parziale di 8 a 0, scappano a 7 e 44 dal termine della gara sul 37 a 48. Per gli ultimi minuti Udine schiera una zona press, ma Costa gira bene la palla e segna l’ennesima  tripla che le lancia al più 13. Costa è inarrestabile, segna in tutti i modi, da sotto e da fuori, corre verso la vittoria sul più 18 a 1 e 52 dalla fine. Gara che si conclude sul 47 a 68 per Costa Masnaga.

 

Dato l’esito di tutte le gare fin’ora, i risultati della domenica possono essere ancora decisivi per tutte le squadre. Domenica mattina tutte in campo per non perdere!

Si inizia con:

COSTA – BOLOGNA

Le squadre cominciano contratte forse per la gara mattutina, subito avanti Bologna con un libero e una tripla del capitano Torresani, ma Costa risponde con canestro più fallo di Bolis, a 4 minuti dal’inizio 8 a 4 per BO.  La gara si fa veloce ma non arrivano canestri a fino tre min dalla fine del primo quarto, quando  BO rimane sopra 11 a  4. Tiri liberi e una palla rubata di Patera (BO) aumentano ancora il divario fino al più 11. A 1 minuto dalla fine Costa non si sblocca e segna con il contagocce, sempre sotto 8 a 17. Finale di quarto a 19 a 8 per BO. Costa non riesce a superare la arcigna difesa di Bologna anche pressa a tutto campo e recupera molti palloni trasformandoli in occasioni per segnare in attacco aumentando il divario nel punteggio.

Secondo quarto che comincia con Costa all’arrembaggio e segna un parziale di 5 a 2, ma ancora la Patera (BO) segna in contropiede e mantiene il divario sul più 10 per Bo (13 a 23). Costa più attenta in difesa recupera palloni ma  non realizza in attacco. Unico lampo della Del Pero che subisce fallo su un tiro da tre e realizza tre liberi (16 a 23). Nuova accelerata di Bologna che va sul 29 a 20 a 4 min dalla fine. Dopo una fase avulsa del gioco in cui si segna poco le due squadre si sbloccano con un canestro per parte. Intervallo  34 a 22 per Bologna che sembra in controllo della gara, visto che Costa non riesce ad esprimere un gioco convincente in attacco.

Terzo quarto Bologna comincia con il botto canestro più fallo sulla sirena di Melchioni che genera un rimbalzo in attacco dal libero sbagliato e altro canestro sulla sirena dei 14. Il Coach di Costa prende un tecnico per proteste che porta il punteggio della gara a 39 – 27 per Bo. Tripla di Torresani (BO) per il massimo vantaggio, Bologna più 15. Costa proprio non riesce a trovare il bandolo della matassa in attacco e continua a forzare senza costrutto, Bologna gioca concreta e segna un canestro alla volta (29 a 48) più 19 a 1 e 30 dalla fine. Il quarto si chiude 33 a 50 per Bologna che non da chance a Costa di rientrare…

Ultimo quarto con squadre molto contratte parziale di 1 a 0 per costa dopo 4 minuti di gioco, poi un canestro di Bologna porta al massimo vantaggio più 20. Il quarto scorre abbastanza velocemente con molti errori da entrambe le parti senza che il risultato sia mai in discussione. La gara si chiude sul 38 a 59 per Bologna, che risulta essere la prima qualificata con tre vittorie su tre gare. Costa deve sperare nella vittoria di Udine nella prossima gara e che la classifica avulsa gli sorrida.

UDINE – S.MARTINO DI LUPARI

Comincia l’ultima gara del concentramento con evidenti difficoltà di entrambe le squadre, la partita stenta a decollare solo 2 libri sbloccano il risultato un contropiede di S.M. di Lupari che porta il tabellone sul 4 a 0  a 3 minuti e mezzo dall’inizio. Finalmente Udine segna il primo punto dalla lunetta con Toniutti (1 a 4). A metà tempo il punteggio si porta sul 3 a 7 per le venete, gioco molto spezzettato e con tanti errori. A 2 e 30 dalla fine del quarto il primo canestro dal campo di Udine porta il risultato sul meno 1 (6 a 7). Amabiglia segna finalmente da fuori per S.M. di Luparil e porta il risultato alla fine del quarto a 11 a 8 per loro.

Nella Seconda frazione le squadre risultano ancora molto fallose e si realizza il primo canestro solo su tiro libero per Udine, con un 2 su 2 di Martino il risultato è di 10 a 11 per le venete. Si segna solo con i liberi 12 a 13 sempre per le venete a  5 minuti all’intervallo. Rimbalzo in attacco di Florit porta al 15 a 13 per Udine. Break di Udine che si porta sul più 9  con 1 minuto e mezzo alla fine del quarto (22- 13). Il quarto si chiude con un piccolo recupero di S.M. di Lupari sul 22 a 16 per Udine.

Il  terzo quarto si apre subito con un contropiede di Crocetta (s.M. di Lupari), ma risponde subito Udine e il vantaggio rimane immutato. Tripla di Ravelli  e Amabiglia da tre e da due riagganciano Udine a meno 1 (24 a 23). Atro break  di san Martino che sorpassa le avversarie portandosi sul più 2 (27 a 29) mancano ancora 16 minuti alla fine della gara. San Martino comincia ad ingranare da fuori e si porta sul più 2 con una tripla di Morpurgo alla quale risponde 1 su 2 tiri liberi di Florit per il meno 1 di Udine. Le squadre si affrontano a viso aperto e il punteggio si alza velocemente, continuano i ribaltamenti di fronte. Finisce il quarto sul 37 a 39 per san Martino.

Ultima frazione, il ritmo si mantiene alto e le squadre vanno spesso a canestro dopo due minuti si è sul 39 a 42 sempre per le venete. A metà quarto bomba di Ravelli per il più 4 di San Martino (45 a 49). A meno di 3 minuti dalla fine Udine si porta a meno 2 e poi realizza un altro canestro della solita Florit per il sorpasso 50 a 49 per Udine. Canestro da fuori con un piede sulla linea di Crocetta per S.M. di Lupari  che riporta sul più uno le venete. Controsorpasso di Udine con Milani in penetrazione. Ravelli(san martino)  in penetrazione subisce fallo e fa 2 su 2. Mancano 40 secondi. Per Udine, Florit va in lunetta e sbaglia il primo e anche il secondo… San Martino  più 1. Canestro da fuori di Berardo per San Martino è più 3. Udine in lunetta fa 1 su due con  Di Sabatino e fa fallo sistematico su Morpurgo che sbaglia il primo e segna il secondo. Sempre più tre San Martino. Udine prova un improbabile tiro da tre, le venete prendono il rimbalzo e subiscono fallo. Crocetta in lunetta chiude la gara con un 2 su 2. San Martino più 5 è qualificata alle finali nazionali. La gara si chiude sul 58 a 53 per San Martino di Lupari.

Il week-end rosa si conclude quindi con la qualificazione di Fortitudo Bologna e San Martino di Lupari. Tutto lo staff del basket Cairo è orgoglioso di essere stato protagonista di un evento così importante, “passiamo” un in bocca al lupo alle qualificate, augurando loro di poter “segnare” un canestro indelebile nella loro carriera da cestiste.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here