Poche idee e poca grinta in attacco per gli U14 che perdono di 5 punti ad Alassio

0
40

Riprende il campionato per gli U14 dopo la pausa natalizia durante la quale si è cercato di mantenere concentrazione e ritmo partita con allenamenti ed un paio di amichevoli a Mondovì e Pegli per testare la situazione della squadra e che hanno evidenziato alcuni punti su cui lavorare. L’impegno di domenica mattina è in casa dell’Alassio attualmente secondo in classifica e sicuramente la gara è tra quelle più impegnative. Purtroppo le gare mattutine sono sempre mal digerite dai nostri ragazzi ed anche questa volta non si smentiscono; ad inizio primo quarto le due formazioni si equivalgono, i padroni di casa tentano dopo pochi minuti di portarsi avanti con un tiro da tre al quale i valbormidesi rispondo subito nell’azione successiva riportando il punteggio in equilibrio, ma a questo punto la prolificità a canestro dei nostri ragazzi sembra spegnersi. Il pallone passa quasi esclusivamente per vie esterne e si ha quasi l’impressione che nessuno voglia prendersi la responsabilità di un tiro facile o di una penetrazione ad attaccare il ferro. Gli avversari approfittano della situazione ed impogono il loro gioco sicuramente più fisico e spesso al limite della regolarità e chiudono così il quarto sul +10. Alla ripresa del secondo quarto Cairo rientra in campo decisamente più determinato, parte subito mettendo pressione agli avversari che accusano lo sbandamento, così inizia una rimonta che consente ai nostri atleti di arrivare all’intervallo lungo di metà gara sul -1. Alla ripresa del terzo quarto la squadra si ritrova aimè con un paio di giocatori che accusano malori forse dovuti ai postumi delle recenti malattie e quell’intensità che ha permesso il recupero del periodo precedente viene vanificato, non tanto dalla difesa che tiene comunque gli avversari a soli 10 punti nel quarto quanto dai miseri 3 punti segnati. Ad inizio dell’ultimo periodo di gioco i padroni di casa tentano un nuovo break sperando che sia quello definitivo, anche perché il Cairo non riesce a trovare soluzioni valide e la palla continua a girare sempre per linee esterne senza mettere in difficoltà l’avversario. Il coach decide di giocarsi fino in fondo tutte le carte possibili e tornati a pressare l’avversario riesce un secondo recupero quasi insperato che a pochi minuti dal fine gara vede i valbormidesi portarsi sul +1, però nella concitazione delle ultime azioni la precisione dei nostri ragazzi torna a calare ed i padroni di casa riescono a portarsi nuovamente avanti sul +3, il canestro che decreta il +5 finale realizzato allo scadere poco conta nell’ambito di una partita che ha visto sempre Cairo ad inseguire e recuperare. Esclusi i 21 punti concessi nel primo periodo la difesa ha di fatto concesso una media di 8 punti a quarto; purtroppo in fase di attacco sembra non esserci la convinzione dei propri mezzi tecnici ed atletici che molti hanno ma non mettono spesso in pratica con un atteggiamento troppo remissivo nei confronti degli avversari. Oltre che sull’aspetto tecnico occorrerà lavorare anche sull’aspetto mentale di approccio alla partita affinchè si arrivi ad una consapevolezza dei propri mezzi che molti in questo momento sembra nascondano per qualche timore; il concetto è quello di riuscire a fargli tirar fuori la grinta, la voglia e la fame di voler andare a fare canestro. Il prossimo fine settimana arriverà a Cairo la capolista Sanremo e quello, al di là del risultato, sarà il banco di prova migliore.

 

Pallacanestro Alassio Basket Cairo 45-40 (21-11/7-16/10-3/7-10)

Tabellini: Bottura 2, Arrighini 2, Rebasti 13, Siboldi, Zitta 10, Perfumo 4, Ogici 6, Marenco 1, Cavallero, Facelli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here